Pro loco di Villafranca d'Asti

 
  • Aumenta la dimensione del testo
  • Dimensione del testo predefinita
  • Diminuisci la dimensione del testo
Home Rassegna stampa L'intervista

L'intervista

E-mail Stampa PDF
Max Dezzani a cuore aperto
QUATTRO CHIACCHIERE COL PRESIDENTE..........
Sagre, Associazioni, Villafranca e... altro ancora!



Se vi trovaste a passare la notte della domenica delle Sagre lo trovereste sul tetto dello stand a togliere le tegole del tetto in perfetta simbiosi con un suo illustre predecessore (Sergio Sesia n.d.r.). Instancabile dopo almeno quarantotto ore insonni. Lo abbiamo incontrato qualche giorno dopo, con un po' di fatica parzialmente smaltita, per uno scambio d'opinioni su quella che è una passione grande con una storia che dura ormai da circa 17 anni...la Pro loco!!

Scusami Max, ma dove trovi tutta quell'energia?
" Attingo dal serbatoio della passione e dalla voglia di rendermi utile per qualcosa. Ma non nascondo che durante le feste l'adrenalina e le responsabilità aiutano a tirar fuori energie impensabili. Stare svegli per 48 ore non è facile ma se il lavoro che fai ti piace tutto è fattibile!"

Felice o deluso per il premio qualità della Coldiretti?
" Molto felice. E' la dimostrazione che il lavoro di qualità ,che da qualche anno stiamo portando avanti, paga. Siamo contenti che sia apprezzato e riconosciuto. Un po' di delusione soltanto per non essere ai primi posti delle classifiche ufficiali. Ma ci servirà da stimolo per migliorare ancora nel 2011!"

Cucina attrezzata, sede ultimata, bilancio positivo del Settembre, premio e grande successo alle Sagre: che cosa ti resta da raggiungere?

" Beh sicuramente una vittoria al festival delle Sagre che ci sfugge dal 1991. E tante altre cose da sistemare che con il bilancio positivo potremo ipotizzare avendo risorse da investire in attrezzature e, soprattutto, in sicurezza"

Il programma della Sagra delle Associazioni è un po' troppo ripetitivo: sono allo studio delle novità?

" Si, di questo siamo consapevoli in Consiglio e cerchiamo, ogni anno, di portare cose nuove tipo il tributo a Celentano o  il concerto di Casadei. Purtroppo le caratteristiche della nostra festa, dedicata anche ad aiutare le altre Associazioni, non consente di investire e rischiare in nuove idee. Che comunque sarebbero ben accolte da parte nostra  pur considerando che il paese non offre molto dal punto di vista delle tradizioni, della vivacita e delle realtà da promuovere!"

Si parla di ambiente idilliaco dietro le quinte della Pro loco: è tutto così vero?

" Tutto vero, confermo. Ma solo frequentando il nostro ambiente lo si può capire. I momenti di allegria e di buonumore si sprecano e chi viene ad aiutarci ritorna. Un grande merito è del Consiglio, dotato di entusiasmo e pure di una punta d'incoscienza che coinvolge i volontari ad operare in quello che ognuno si sente più portato."

Ogni tanto, però, viene fuori la questione del tuo carattere!!...ma 187 volontari che aiutano la Pro loco che cosa significano?
"Purtroppo la prima impressione è quella che conta e, nonostante io sia cambiato molto, non nego che, a volte, l'approccio non sia facile anche a causa dello stress e delle responsabilità. Poi è dura togliersi di dosso certe etichette!!....chiederei soltanto di non essere giudicato a prima vista. E poi, come giustamente dici tu, tanta gente che ci aiuta vorrà pur significare qualcosa!!..."

Che cosa vorresti da Villafranca per la Pro loco?
"Una maggior partecipazione alle nostre iniziative ritrovando il piacere di "fare festa" con noi. E poi, se possibile, un maggior aiuto con mezzi ed attrezzature, da parte delle aziende locali nei momenti più "caldi" del Settembre!"

Un sogno nel cassetto del Presidente?
"...preferisco non dirlo....ma il tempo passa per tutti!" 

Un episodio da ricordare del 2010?
"Tantissimi legati alle feste ma il più emozionante...direi ricevere sms dopo la festa delle donne da parte di persone che inaspettatamente sono tornate a fare i volontari! Aggiungerei anche la soddisfazione di aver creato un gruppo che sta emergendo, di aver ritrovato tra i collaboratori alcuni dei miei "maestri" che tanti anni fa mi hanno trasmesso questa passione. Ed infine vorrei dire un GRAZIE di cuore a tutti i "Red" ma soprattutto ai Consiglieri che ci stanno mettendo la stessa  passione che ricorda la mia di 17 anni fa!!" 

Una passione che risulta intatta, unita ad impegno e determinazione ferrei. Questo è Max Dezzani, il condottierio di questa Pro loco, giovane ed entusiasta, orgoglio villafranchese. Che riesce anche a commuovere il "vecchio maestro" di un tempo!!!...Beh, allora 17 anni anni non sono trascorsi invano!

Gianmala, Nuova Villafranca

 

Cerca nel sito

Login

Chi è online

 9 visitatori online

Prossimi appuntamenti

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sui nostri programmi e sui prossimi eventi

Chi siamo